New to site?


Login

Lost password? (X)

Already have an account?


Signup

(X)

[ La multidisciplinarietà: dialogo tra diversi settori ]

Conclusioni

Lucia Chierchia, moderatrice di questa sessione, riassume cosa è emerso durante il confronto con i relatori:

Abbiamo scoperto che per fare Industry 4.0 servono forti competenze in aree tecnologiche, spesso in tecnologie emergenti, come l’intelligenza artificiale.

Ma non basta. Dobbiamo combinare in modo opportuno queste tecnologie, per comprenderne il potenziale innovativo.

Ma non basta. Dobbiamo avere il cosidetto tecno-business mindset, ossia quello spirito imprenditoriale che ci permette di cogliere le diverse opportunità di business derivanti da Industry 4.0 .

Ma non basta. I cosidetti hard skill non bastano. Abbiamo bisogno anche di soft skill quali la capacità di lavorare in squadra, la capacità di relazionarsi a contesti diversi, la capacità di relazionarsi a persone diverse. Insomma la capacità di interagire in un contesto digitale, dove macchine e persone possono collaborare e dar vita ad un nuovo ecosistema dell’innovazione.

E’ necessario quindi creare una struttura multidisciplinare all’interno dell’università, per formare coloro che porteranno questa trasformazione al prossimo livello nelle iniziative promosse dalle istituzioni, per creare stimoli per le imprese e facilitare lo scambio di esperienze nelle imprese per dare nuove forma alle organizzazioni aziendali.

Chi ci aiuta?  Forse la strada è proprio far leva sull’unicità del nostro territorio …

L’italia è un territorio fatto di eccellenze nel mondo dell’impresa, da piccole startup che cercano partner con cui sperimentare nuove tecnologie, ad aziende consolidate – piccole e grandi – che guidano il mercato dell’automazione a livello globale.

L’italia è un territorio fatto di eccellenze nel mondo accademico, in cui i dipartimenti universitari possono guidarci alla scoperta di nuove tecnologie e definire con le imprese come formare la futura classe dirigente.

Forse la strada è mettere in sinergia queste eccellenze e fare la differenza tutti quanti insieme.

[ Relatori ]

Moderatrice
Lucia Chierchia

Head of Innovation Hub – Electrolux Group

    Vito Albino
    Professore ordinario di Ingegneria economico-gestionale presso il Politecnico di Bari.

      Massimiliano Colella
      Direttore Generale di Innova Camera

      Giuseppe Iannaccone
      Professore ordinario di Elettronica presso l'Università di Pisa

      Layla Pavone
      Amministratore Delegato di Digital Magics per l’Industry Innovation

      Marco Vecchio
      Segretario ANIE Automazione e ANIE Energia